158 Vaio dei Colori



Segnavia Cai: 158
Dislivello: 500 m
Ore: 1.30
Lunghezza: 2000m
Difficoltà: EEA Alpinistico
Competenza: SAT Vallarsa



Itinerario

(Passo di Campogrosso) - Diramazione alla base del Boale dei Fondi Vaio dei Colori - Bocchetta Mosca - (Rifugio Fraccaroli).
Sentiero alpinistico, necessita di abilità ed esperienza in percorsi alpinistici, nonchè del relativo equipaggiamento di sicurezza.

Descrizione
Provenendo dal Passo di Campogrosso sul sentiero 157 Boale dei Fondi attraversate le ghiaie del Boale Fondi e raggiunta una paretina di roccia (m 1690; ore 0.50) dopo essersi abbassati un po', si risale alla Sella dei Cotorni (m 1695). Da qui ci si cala  per tracce attraversanda la vegetazione rada e bassa sul fondo del Vaio solitamente innevato (m 1552). Raggiunto il fondo del Vajo si inizia a risalirlo puntando  verso una paretina di roccia che sta in alto al centro, la quale viene raggiunta in 20 minuti circa.
Da qui a destra si stacca il ripido 158B Vaio dei Camosci, mentre  a sinistra, prosegue il Vajo dei Colori innalzandosi su neve fra grossi massi, con la pendenza che si accentua e le pareti che si fanno più strette. Raggiunta ora una nuova biforcazione, si prende a destra tra salti e scoscese fiancate, abbandonando il ramo di sinistra anche se più largo ed invitante. Superato un breve, ma liscio, diedro, che si aggira piegando a destra per cengia e risalendo una paretina munita di corde fisse, si prosegue nel fondo del solco su facili rocce gradinate (ci si aiuta con un'altra corda fissa) per giungere al ripido e detritico imbuto che sbocca a Bocchetta Mosca (m 2029, ore 2.30). Di qui, innestandosi nel sent. 157 Boale dei Fondi, in 30 minuti si giunge al Rif Fraccaroli  (m 2238).


Il Vaio dei Colori Foto Gianni Dalla Costa

Considerazioni
La presenza di alcune corde fisse collocano questo sentiero a metà strada tra la ferrata e la via alpinistica. Le condizioni e di conseguenza le  difficoltà che si possono incontrare nel percorrere il vajo variano di molto durante l'anno: presenza di neve, temporali improvvisi, comitive numerose a monte, caduta sassi. Consigliamo pertanto di pianificare con molta attenzione l'escursione per poter godere appieno edll'ambiente selvaggio che ci offre il vajo minimizzando i rischi!!

Proseguendo
per raggiungere il Rif Fraccaroli se ancora siete alla ricerca di forti emozioni potete, per tracce di sentiero, da bocchetta Mosca  tagliare l'alto afiteatro di campobrun in direzione owest puntando verso la base della parete verticale dadove parte la via ferrata 183 Carlo Campalani .




INFO: Si sconsiglia il percorso in caso di cattivo tempo, neve o ghiaccio vedi meteo e rischio valanghe.
Per lo stato del sentiero contattare sezione CAI di competenza o i gestori dei rifugi.
Consultare il Quaderno dell'escursionista del CAI Tregnago e Cartografica CAI







indietro pagina aggiornata 2012-10-06



Disqus 1