passo pertica itinerari
 


ITINERARI


Luogo di partenza ideale per tutti i gusti.
Si può scegliere la facile passeggiata per strada bianca militare in salita fino a Malga Campobrun (aperta da fine Giugno a fine Settembre) dove si possono trovare le mucche al pascolo e dove è possibile vedere all'opera i fratelli Peloso nella lavorazione del latte per ricavarne burro, formaggi e ricotte (anche affumicate), con possibilità di assaggio e acquisto di tali prodotti artigianali.

Si possono intraprendere escursioni sempre facili ma più lunghe, con possibilità di scelta fra più sentieri per raggiungere i successivi Rifugi Pompeo Scalorbi (1780 slm.) e Mario Fraccaroli (2234 slm.). Quest'ultimo è il Rifugio più alto e più vicino alla cima effettiva del Gruppo del Carega (2260 slm.)

I più avventurosi possono seguire il silenzioso e selvaggio sentiero attrezzato Angelo Pojesi (obbligatori cordino, moschettone e casco), lungo sentiero ricavato per gran parte in cengia, che costeggia sul versante Nord la Costa Media, risale fino alla "Salle à mangèr), ridiscende poi con tratti attrezzati, costeggia ancora e nuovamente risale deciso attraverso una gola rocciosa e attrezzata con funi e cambre per uscire a 15 minuti dalle Creste della Costa Media (circa 2,00 - 2,30 ore). Da qui la panoramica che spazia a 360° gratifica della attenta e dura salita. Possibilità quindi di raggiungere il Rif. Mario Fraccaroli (circa 40 minuti) seguendo la dorsale passando per cima Madonnina, oppure di scendere per sentiero a tratti ripido sulla strada militare e ritornare quindi al Passo Pertica (1,00 ore circa).


Per chi vuole provare forti emozioni, di fronte al Rif. Passo Pertica è possibile cimentarsi sulla ripida ed esposta via ferrata Giancarlo Biasin : 80 mt. di parete da conquistare arrampicando assicurati con cordino, moschettoni e casco per raggiungere la Cengia di Pertica (1742 slm.). La discesa poi è facilitata da un breve sentiero che riporta sulla strada militare al secondo tornante salendo dal Passo Pertica (circa 30 minuti).

Altra avventurosa possibilità per i più allenati, che vogliono compiere con un circuito gran parte del Gruppo del Carega, per circa 6 - 7 ore di cammino: Partendo da Passo Pertica, si scende per il sentiero 109 fino a località Schincheri (a quota 856 slm.), si prende poi il sentiero 108 che sale con costante e buona pendenza per la valle di Penez, passando per la Pala di Cherle dove si addolcisce salendo ancora fino alla Capanna Sinel (1990 slm, capanna privata della SAT di Ala e posto di bivacco), e prosegue ancora su segnavia 108 fino al Rif. Fraccaroli (2234 slm). Da qui si scende per il sentiero 112 fino ai piedi di Cima Mosca con uscita al "Vajo dei Colori", si scende ancora per segnavia E5 fino al Rif. Scalorbi, e quindi per strada militare (altri 4,5 Km ) si ritorna al Rif. Passo Pertica.

E per i veri alpinisti, di fronte e vicino al Rif. Passo Pertica, possibilità di percorrere arrampicate su roccia in prevalenza sportiva, recentemente aperte da Andrea Bosaro con vari gradi di difficoltà. (Per informazioni più dettagliate rivolgersi ai gestori del Rif. Passo Pertica).