Musei


La vita del Soldato nella "Grande Guerra"

Il Museo, aperto nel 1999, riunisce una nutrita serie di oggetti e materiali d'uso quotidiano (circa 1.200) impiegati dai soldati sul fronte alpino della Prima Guerra Mondiale.
Recuperati nei luoghi di battaglia, soprattutto nella zona dell'Adamello e del Pasubio, in più di trent'anni di ricerche dal recoarese Antonio Storti, i manufatti sono stati donati alla Comunità recoarese perchè possano visibilmente testimoniare un'epoca, gli anni della Grande Guerra, che tanto ha inciso nella vita del paese di Recoaro e del suo territorio.

Indirizzo: Museo della vita del soldato nella Grande Guerra, via Roma 17 - 36076, Recoaro Terme (VI)
Tel. 0445 793380 (Ufficio Cultura)



Museo Paleontologico "Dott. Domenico Dal Lago"


Il museo si compone di: un pannello geologico stratigrafico della zona di Valdagno e Recoaro; un pannello "Evoluzione attraverso le ere geologiche della vita"; foto storiche e testimonianze del Dott. Dal Lago e di Giovanni Meneguzzo; pannelli con illustrazioni delle famiglie fossili; carte geologiche della vallata; vetrine complete di fossili e didascalie che testimoniano l'evoluzione geologica nella vallata dal Permiano al Miocene; vetrinetta con ritrovamenti fossili di Bolca; vetrinetta di minerali di M. Civillina; archivio con cassettiere contenenti fossili catalogati; vetrinetta con ritrovamento fossili di Grola.

Indirizzo: PALAZZO FESTARI Corso Italia, 63 - 36078 Valdagno (VI)
Tel. 0445 / 401887 - Fax 0445 / 409724



Museo della civiltà contadina della Vallarsa
Centro Studi Museo Etnografico Vallarsa
38060 Riva di Vallarsa (TN) Tel. e Fax: 0464 860016
E-mail:centrostudivallarsa@inwind.it

Il museo raccoglie numerosi oggetti della vita quotidiana, del lavoro agricolo ed artigianale di un tempo.
Nato alcuni anni fa da un progetto dell'allora Centro Promozionale Vallarsa, poi diventato Centro Studi Museo Etnografico, si propone, non solo come memoria storica del nostro recente passato, ma anche come laboratorio di idee per promuovere attività culturali, sociali ed artistiche nel Comune di Vallarsa.


ORARIO DI APERTURA
da giugno a settembre dal martedì a domenica: 9.00 - 12.00 / 15.30 - 19.00
lunedì chiuso Nel rimanente periodo dell'anno è visitabile su richiesta



Il Museo dei Fossili di Bolca

è dedicato alla documentazione dei reperti fossili rinvenuti nel territorio, risalenti ad una cinquantina di milioni di anni fa. Attrezzato per le visite guidate alle gallerie, è da molti studiosi considerato considerato il più importante del mondo per i pesci fossili dell'Era Terziaria.

Bolca è una località dei Monti Lessini, situata nel comune di VESTENANOVA, nota fin dalla metà del XVI secolo per gli straordinari fossili di pesci e piante provenienti dalle località della Pesciara e del Monte Postale. A queste località si possono aggiungere Spilecco e la Purga di Bolca, che hanno restituito fossili meno noti, ma ugualmente importanti. I fossili provenienti dalla zona di Bolca sono riferibili a diversi periodi dell'Eocene, ma i pesci sono attribuiti all'YPRESIANO. Il museo è dedicato all'esposizione di questi fossili, ed all'illustrazione delle tematiche scientifiche legate allo straordinario GIACIMENTO della PESCIARA. Sorto nel 1969, è stato ampliato e completamente rinnovato nel 1996; si articola su tre sale, realizzate secondo i più avanzati criteri espositivi, di cui due sono dedicate all'esposizione dei reperti fossili di maggior interesse rinvenuti nei giacimenti della zona, da molti considerata il più importante deposito fossilifero del mondo. Fossili che risalgono a cinquanta milioni di anni fa e che presentano analogie strutturali con gli esemplari attualmente presenti nei mari polinesiani. Di rilievo il pesce angelo (ceratoichthys pinnatiformis), di cui il museo conserva tre splendidi esemplari.



Museo dei Cimbri a Giazza


La popolazione cimbra ha influenzato in modo radicale la vita in Lessinia, tanto che ancora oggi sopravvivono nella località di Giazza alcune minoranze di popolazione parlante la lingua cimbra e numerosi capitelli, simboli di devozione religiosa. Per questo motivo il museo intende valorizzare le circostanze storiche, linguistiche e culturali di questo popolo, stanziatosi in Lessinia a partire dal Medioevo e legato a rituali e credenze molto radicate.
Strutturato su diversi piani, il museo presenta alcuni dei più salienti aspetti della vita cimbra: da documenti relativi alla lingua a rappresentazioni di usanze di vita familiare, da esempi di attività lavorative a testimonianze riguardanti l’architettura, da abitudini e simboli religiosi a credenze dell’immaginario popolare. Un interessante viaggio attraverso tradizioni secolari che ancora vengono mantenute in alcuni comuni della zona.

Indirizzo: c/o Centro di Cultura Cimbra di Ljetzan-Giazza - Via dei Boschi, 62 - 37030 Giazza (VR).
Orari: sabato e domenica dalle 15.30 alle 18.00 - Altri giorni su prenotazione.
Telefono: 045 7847050 E-mail: museo@cimbri.it
 

indietro pagina aggiornata 2013-09-17